Italian English
"MAINTAIN YOUR SLOPES, MAINTAIN YOUR SAFETY"
posa asfalto, urbanizzazione, lavori stradali lavori di consolidamento, opere di consolidamento, opere strradalei parcheggi, pavimentazione stradale, opere stradali sondaggi in terreno, sondaggio orizzontale, carotaggi gestione cantieri, cantieri edili, cantieri industriali

Infrastrutture

La capacità operativa e la competenza tecnica della società di Parma è stata messa alla prova in tanti di attività professionale non solo nella realizzazione di strade urbane ed extraurbane e opere in asfalto di qualunque tipo, ma anche per altri lavori di interesse pubblico quali:

 

- esecuzione di opere idrauliche (scogliere, risezionamenti e pulizia di alvei);

- esecuzione di urbanizzazioni primarie per insediamenti residenziali, commerciali e industriali;

- costruzione di linee acquedottistiche, fognarie, gasdotti;

- consolidamenti di terreni e frane, eseguiti sia a cielo aperto che nel sottosuolo per mezzo di attrezzature speciali;

- costruzione di edifici residenziali, commerciali e industriali.

 

Interventi di edilizia pubblica e privata

La ditta Grenti srl si occupa della realizzazione di infrastrutture in ambito residenziale, industriale e ad interesse pubblico (strade e opere in asfalto di diverso genere).

L'attività nasce e si evolve con l'avanzare delle grandi opere pubbliche nella vallata del Taro (S.S. 308 DI Fondovalle, Autostrada A15 "Della Cisa", Raddoppio della linea ferroviaria "PONTREMOLESE", superstrada S.S. 523 tratto Borgotaro - Bertorella).

La società lavora con i maggiori committenti a livello provinciale e regionale (principalmente Emilia Romagna, Lombardia, Liguria, Toscana, Piemonte), tra i quali:

 

- Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Magistrato per il Po di Parma;

- ANAS - Compartimento della Viabilità per l'Emilia Romagna;

- Regione Emilia Romagna - Servizio Provinciale Difesa del Suolo di Parma;

- Autocamionale della Cisa S.p.A.

- Amministrazione Provinciale di Parma;

- Amministrazione Provinciale di Reggio Emilia;

- Amministrazione Provincia di Massa Carrara

- Comune di Parma

- Comuni della Provincia di Parma;

- Comunità Montana delle Valli del Taro e del Ceno;

- Comuni vari della provincia di Massa Carrara

- SO.PR.I.P. S.p.A. - Società per la Costruzione Insediamenti Produttivi in Parma;

- Consorzio Sviluppo Valdera;

- Consorzio Dugali.

 

 

 

Categoria

(OG3, OG8 OS21) Strade, consolidamento versanti in frana

 

Committente

Amministrazione Provinciale di Parma

Lavori 

Lavori urgenti sulla S.P. 20 del Bratello per il ripristino della viabilità interrotta da movimenti franosi al Km. 7+300 loc. Valdena 1° Lotto

Importo

Euro 1.879.836,00

 

 

Categoria

(OG8, OS1) Opere fluviali, di difesa, di sistemazione idraulica

Committente

Consorzio di Bonifica Parmense

Lavori

Consolidamento del sifone sottopassante il Torrente Enza a Servizio del Canale Spelta.

Importo

Euro 1.596.234,32

 

 

 

 

Categoria

(OS21) Opere strutturali speciali

 

Committente

 

Amministrazione Provinciale di Parma

Lavori 

Lavori di manutenzione straordinaria della calotta della Galleria Predelle SP 523r       

 

 

 

Passo del Bratello: una strada di polistirolo
È stata usata una tecnica assolutamente innovativa che prevede l’utilizzo di grandi blocchi di polistirolo espanso per riempire la grande voragine aperta dalla frana.
 
La Provinciale n. 20 del Bratello venne notevolmente danneggiata dagli eventi alluvionali dell’autunno 2000 che provocarono un vasto movimento franoso di circa 90mila metri quadrati, attraversato per 300 metri dalla strada, che ha subito per oltre 90 metri lo spostamento di 10 metri verso il basso. Ai primi di luglio la Giunta Provinciale ha svolto un sopralluogo per verificare lo stato di avanzamento dei lavori per il ripristino della strada ed il consolidamento del versante che comportano una spesa di 1.549.370,00 €, i cui progetti fanno capo agli ingegneri Corchia e Vlaro ed eseguiti dall’Impresa Grenti di Solignano. Altri interventi di messa in sicurezza del versante, finanziati per 1.220.000,00 € sono affidati al Servizio Provinciale Difesa del Suolo che opera in stretto rapporto con il Servizio Viabilità della Provincia. L’elemento di curiosità che caratterizza questi lavori è senza dubbio riferito al tipo di materiale che viene usato per gran parte dal riempimento del vuoto lasciato dal terreno franato verso valle: si tratta infatti di grandi blocchi di polistirolo espanso che è stato impiegato per la ricostruzione del “cuore” del rilevato stradale. Si è scelta questa strategia per evitare l’impiego di materiale litoide che, essendo infinitamente più pesante, avrebbe potuto compromettere di nuovo la stabilità del versante. Si tratta infatti di una frana atipica, senza piano di scivolamento definito, che non consente l’impiego dei materiali tradizionali per non rompere il precario equilibrio del versante creatosi in seguito all’evento franoso.  Questa innovativa tecnica di ripristino, quasi mai usata in Italia e già sperimentata con successo all’estero, è stata approfondita nel Convegno organizzato dalla Provincia presso l’Unione Parmense degli Industriali nel settembre dello scorso anno, a cui hanno partecipato un gran numero di esperti, studiosi e rappresentanti di aziende specializzate. In sostanza il nuovo tratto di strada poggerà su di un muro costruito con i blocchi di polestirene, completamente rivestito di un telo geotessile e ricoperto da uno strato di terreno armato con rete elettrosaldata per uno spessore di almeno 1m. e successivamente inserito nelle scarpate. Complessivamente il cuore in polistirene del rilevato ha un volume di circa 6.500 metri cubi composto da circa 4.300 blocchi.
 

Il Bratello riapre a settembre
La Lunigiana sarà ricollegata all’alta Valtaro

 

 

BORGOTARO - Il presidente della Provincia di Parma Andrea Borri e il presidente della Provincia di Massa Carrara Franco Gussoni si sono incontrati alle 11.30 di lunedì 1 luglio nel cantiere della strada del passo del Bratello in località Valdena a Borgotaro. Simbolico l'incontro nel luogo che unisce il territorio di Parma a quello della Lunigiana. Due anni fa la strada venne interrotta da una frana, i primi giorni di settembre, dopo alcuni mesi di lavoro, verrà ripristinata. Due mesi di ritardo, la consegna era prevista per il 2 luglio, ben sopportati considerando l'importanza della strada, ma considerando soprattutto le poche speranze che gli amministratori locali avevano di vedere riaperto questo tratto di viabilità. Viva soddisfazione per un opera che ha visto la provincia - sottolinea Andrea Borri - protagonista nel risolvere un grosso problema viario sia in tempi celeri che in modo tecnologicamente avanzato. Un ringraziamento particolare al personale tecnico della provincia e della ditta esecutrice dell'appalto che con professionalità stanno rispettando i tempi, salvo due mesi di fisiologico ritardo, di consegna del lavoro. Erano presenti oltre al sindaco di Borgotaro, Salvatore Oppo, il vicepresidente della Provincia, Vincenzo Bernazzoli, gli assessori e consiglieri provinciali, Romeo Broglia, Ugo Danni Ovidio Bussolati e Giovanni Bertocchi, la presidente della Comunità Montana Ovest, Gabriella Olari e vari amministratori del territorio. Folto lo schieramento dei tecnici presenti per un intervento avente visibilità nazionale, essendo il primo caso in Italia di strada posata su un basamento in polistrirolo. È utile ricordare come questa tecnologia è all'avanguardia e è stata oggetto di un convegno qualche mese fa all'Unione Industriali. Il dirigente viabilità della Provincia di Parma Ermes Mari ha spiegato i tempi e le modalità di intervento. L'ing. Corchia, progettista e direttore lavori, ha illustrato il progetto e coadiuvato dal sig. Azzali della ditta produttrice del polistirolo ha esposto la nuova tecnologia adottata.   Al termine dell'incontro la comitiva si è spostata nel comune di Albareto dove il sindaco Carlo Berni ha ringraziato la provincia di Parma per i numerosi cantieri di ripristino viabilità aperti in questi mesi. "Segno di attenzione verso territori che non sempre hanno beneficiato negli ultimi anni di questi investimenti" tiene a dire Berni.